La prima cosa da fare per reperire il maggior numero di informazioni per viaggiare sicuri in Indonesia è vistare il sito ufficiale della Farnesina. Qui potrai trovare tutte quello che c’è da sapere in termini di documentazione e sicurezza sul paese che desideri visitare. Il più delle volte le conoscenze acquisite si dimostrano fondamentali per affrontare il viaggio con l’adeguata preparazione.

Ci sono, infatti, alcuni posti del mondo dove è necessario più che in altri, prepararsi scrupolosamente all’avventura che si sta intraprendendo: uno di questi è proprio l’Indonesia. Si tratta infatti di un paese abbastanza pericoloso, considerando il rischio di terrorismo, di calamità naturali e anche quello di contrarre malattie a volte mortali. Ciò vuol dire che se vuoi  organizzare una vacanza qui non dovrà rinunciarci, ma dovrai semplicemente documentarti al meglio prima di partire.

Come organizzare viaggi in Indonesia

Per viaggiare sicuri in Indonesia la prima cosa da sapere è che dopo l’attentato del 14 gennaio 2016 a Jakarta, la minaccia terroristica in tutto il paese è molto elevata, soprattutto nella capitale, nelle maggiori aree urbane e nelle principali località turistiche. Per tanto si consiglia di mantenere elevata l’attenzione, soprattutto nei luoghi pubblici e ad elevata frequentazione.

In generale anche la criminalità è molto diffusa, soprattutto nei centri urbani e nelle zone turistiche dove è molto semplice cadere vittima di malfattori. Inoltre è bene prestare molta attenzione alla propria carta dei credito poiché sono frequenti le truffe ai danni dei possessori di tali carte. Bali, seppur molto frequentata dai turisti, è tra le zone con più elevato tasso di criminalità ai danni dei turisti.

Per tanto i viaggi a Bali sono tra quelli sconsigliati o comunque si chiede ai viaggiatori di prestare particolare attenzione e cautela: stesso discorso vale per Jakarta, dove non solo c’è l’allerta terrorismo, ma negli ultimi anni si è registrato anche un incremento della criminalità urbana. Ci sono poi alcune zone dove la Farnesina raccomanda di non recarsi, per diverse ragioni, che sono: Aceh, Molucche meridionali, Sulawesi centrali e meridionali, Timor occidentale e Papua.

Altri rischi per il turismo in Indonesia

Come già anticipato prima, questo paese è ritenuto pericoloso anche per i frequenti episodi di calamità naturali. Si tratta, infatti, di un paese ad alto rischi sismico per la presenza del maggior numero di vulcani attivi in tutto il mondo. Le zone vicino ai vulcani sono da evitare e si sconsiglia anche di affidarsi alle guide locali per passeggiate di trekking in queste aree. Spesso gli aeroporti di alcune città restano chiusi per giorni a causa delle ceneri che si disperdono nell’aria dopo le eruzioni.