Hai mai sentito parlare dei viaggi Inpdap per ragazzi? Si tratta della possibilità offerta ai figli dei dipendenti statali di partecipare ad un bando per vincere una vacanza studio in Italia o all’estero. Naturalmente non tutti coloro che sono iscritti a quest’Ente tramite il versamento della quota di previdenza potranno beneficare del premio ed infatti sarà una graduatoria a stabilire i destinatari.

ADVERTISEMENT

Prima di continuare a parlare di queste particolari vacanze è doverosa una precisazioni. Tutti sanno che l’Inpdap è confluito nell’INPS, ma la prima continua ad avere una gestione separata per ciò che riguarda gli adempimenti e quindi queste lodevole iniziativa continua ad essere proposta. Ad indire il concorso di partecipazione è l’Ente stesso, solitamente all’inizio dell’anno solare, per cui è possibili presentare domanda esclusivamente online.

Come ottenere una vacanza studio Inpdap

viaggi-inpdap-ragazzi

Per partecipare al bando per i viaggi Inpdap per ragazzi bisogna essere in possesso di alcuni prerequisiti, il primo è quello di essere iscritto all’Ente di Previdenza (solitamente lo sono tutti i dipendenti pubblici, regionali e provinciali). Altro fattore discriminante è il redditto: minore sarà l’ISEE, maggiore sarà la possibilità di essere assegnatario del viaggio. Inoltre se l’ISEE supera una certa soglia (indicata sul bando) non è possibile partecipare.

Si terrà conto anche se la famiglia è composta da un solo genitore, solo da figli, o se nel nucleo familiare ci sono portatori di handicap. Nella domanda i partecipanti dovranno indicare anche la località prescelta e il periodo preferito. Il fortunato a cui verrà assegnata la vacanza, non solo avrà la possibilità di conoscere la bellezza di un nuovo posto, ma anche quella di partecipare a corsi di formazione.

Si tratta,infatti, di viaggi studio per ragazzi che propongono numerose attività adatte ai giovani: ricreative, culturali e sportive. Inoltre coloro che soggiorneranno all’estero potranno seguire dei corsi per imparare la lingua del paese scelto. Possono partecipare anche i ragazzi disabili a cui sarà garantita assistenza continua da personale qualificato, che li metterà nelle condizioni di svolgere tutte le attività previste.

Differenza tra soggiorni studio all’estero e in Italia

Le vacanze all’estero sono destinate solo ai minorenni che prima di accedere ai corsi dovranno sottoporsi ad un test in lingua per testare il livello di conoscenza ed inserire i giovani nella classe giusta. In Italia, invece, solitamente le mete sono tutti luoghi con un patrimonio storico, artistico e culturale di interesse e tra le attività è previsto anche un corso di lingua inglese.

LASCIA UN COMMENTO