Quando il viaggio è storia, arte, cultura e spettacolo, è allora che l’Italia può fregiarsi di fronte a tutto il mondo di un titolo che le appartiene di diritto: essere in assoluto la culla del turismo culturale. Per chi non lo sapesse ancora, si tratta di itinerari prescelti dai viaggiatori che sono per lo più di carattere culturale, storico e artistico.

ADVERTISEMENT

Le agenzie di viaggio offrono pacchetti rivolti alla conoscenza di quello che l’UNESCO definisce il “patrimonio immateriale”. Ciò che spingerebbe le persone a scegliere questo tipo di turismo sarebbe, in linea generale, una sete di conoscenza illimitata, il bisogno cioè di toccare con mano l’identità e il carattere di una determinata zona geografica.

Ed ecco fioccare, quindi, vacanze studio, partecipazioni a spettacoli dal vivo, festival, eventi culturali, visite a siti archeologici e monumenti, e perchè no, anche pellegrinaggi. Se l’Italia la patria mondiale del turismo culturale, a quale città del Bel paese potrebbe essere assegnato il titolo di metropoli culturale?

Ovviamente alla città eterna per eccellenza: Roma! Non esiste luogo al mondo dove sia possibile toccare il passato con mano, dove il connubio tra arte e spettacolo sia in grado di dare vita a eventi che potrebbero essere potenzialmente capaci di mutare il corso del tempo. E Gianni Boncompagni lo sa bene perchè proprio nella Capitale è stato pizzicato in dolce compagnia…

LASCIA UN COMMENTO