Sapere cosa vedere a Vienna in due giorni può essere particolarmente utile per chi può dedicarle solo un classico weekend. Purtroppo questa città non è così piccola e concentrata da poter essere visitata tutta in un fine settimana, ma se si pianifica bene il viaggio è possibile riuscire ad ottimizzare i tempi. Ecco perché è particolarmente utile organizzare l’itinerario giorno per giorno prima di partire, informandosi su quali sono le tappe imperdibili di questa bellissima capitale europea.

ADVERTISEMENT

In questo articolo proveremo a proporti un itinerario tipo che ti consentirà di sfruttare al meglio tutto il tempo che potrai trascorrere a Vienna, inserendo i monumenti e le attrazioni più belle ed importanti da visitare ma anche i ristoranti dove mangiare ed i bar dove fare colazione, mangiare un dolce o fare l’aperitivo. Vienna è una città davvero affascinante, la sua eleganza e la sua raffinatezza ti emozioneranno e di sicuro dopo questo breve viaggio sentirai il bisogno di farci ritorno quanto prima.

Itinerario tipo per visitare Vienna

Non facile scegliere cosa vedere a Vienna in due giorni poiché in questa città ci sono davvero tantissime cose belle da visitare, dalle attrazioni architettoniche ai bellissimi spazi verdi. La prima imperdibile tappa è senza dubbio il centro storico per una passeggiata tra le vie secolari. Alla fine del percorso è possibile visitare la residenza imperiale, l’Hofburg. Proseguendo per il Ringstrasse, una delle più eleganti al mondo, si giunge fino al Museo di Storia dell’Arte e quello di Storia Naturale.

La prima sosta è al Sacher dove è d’obbligo provare la tipica ed originale torta viennese che gli dà il nome. In zona c’è il Staats-Oper, il più importante teatro della città, e dopo una breve vista consigliamo di continuare la passeggiata ammirando i palazzi barocchi e le strade lussuose fino ad raggiungere il  Mercato Naschmarkt per un viaggio nei sapori d’Austria e non solo. Nel pomeriggio consigliamo di raggiungere Schönbrunn, la maestosa residenza estiva degli imperatori d’Austria, di cui vanno visitati sia gli interni che i giardini. Per cena è impossibile resistere ad un croccante wiener schnitzel in un ristorantini caratteristico, per poi concludere con una passeggiata lungo il Danubio.

La mattina del secondo giorno deve proseguire con il sano turismo culturale visitando il museo dedicato a Gustav Klimt, anche se i musei cittadini sono davvero tantissimi e scegliere quale vistare non è semplice. A pranzo è d’obbligo un classico panino con il wrustel, veloce ma gustoso. Altre due tappe imperdibili sono la ruota panoramica di Prater e l’edificio colorato ed originale che si chiama Hundertwasser Haus.

Le principali attrazioni di Vienna

Assolutamente da non perdere è una passeggiata al Museums Quartier che è uno dei dieci quartieri culturali al mondo: caffè e ristorantini in stile liberty e post moderno che si affacciano sulle strade caratteristiche. Poco distante dal centro c’è il sobborgo di Spittelberg dove ci sono molte botteghe artigiane perfette per acquistare qualche tipico souvenir. Dopo un po’ di shopping vale la pena rimanere in zona per mangiare qualcosa di tipico spendendo poco.

https://www.youtube.com/watch?v=ZVDc-gd81Oc

Loading...

LASCIA UN COMMENTO