Ormai arrivare a Londra è facile, veloce e, con il volo low cost giusto, anche economico.

Ma non serve essere stati a Londra per conoscerne i suoi simboli e le sue icone. Probabilmente quello che rappresenta meglio di ogni altro la cosmopolita ed esuberante città è il suo storico bus a due piani rosso sgargiante:

bus a due piani

Per i turisti che vistano Londra è d’obbligo almeno un tour: questo bus, infatti, è perfetto per chi visita la città per la prima volta, con poco tempo a disposizione ma con tanta voglia di conoscere, vedere e scoprire.

Questi particolari pullman conducono i visitatori alla scoperta di tanti luoghi, evitando scarpinate o mezzi pubblici. Addirittura se ne possono prendere di diversi che salgono e scendono per le strade della città mostrando i luoghi emblematici e le particolari attrazioni turistiche. Sebbene i duble decker bus non siamo propriamente economici, restano il mezzo di locomozione più diffuso ed utilizzato a Londra e proprio per questo, a breve, diventeranno ecologici.

Ad annunciare la novità è stato il sindaco londinese Boris Jonson, in occasione della partecipazione ad un convegno sulla mobilità pubblica, il Clean Bus Summit. Il primo cittadino ha tenuto a precisare anche che quelli londinesi saranno i primi bus a due piani al mondo, alimentati totalmente con l’energia elettrica.

I primi duble drecker elettrici circoleranno per Londra già dal ottobre di questo anno e saranno quelli della linea 16, che collegano Victoria Station alla zona nordoccidentale della città. Ecco il prototipo:

bus due piani ibrido

In realtà la sensibilizzazione al problema ecologico a Londra si era già diffusa nel 2012, quando sono comparsi dei bus rossi a due piani ibridi, vale a dire metà elettrici e metà diesel. Mentre nel 2013 i tradizionali bus ad un piano, apparivano anche nella versione total green.

A costruire i bus bipiano eco sarà un azienda cinese, la BYD, che ha sperimentato una batteria elettrica in grado di alimentare vetture anche molto pesanti, come lo sono appunto i bus rossi londinesi.

Anche grandi multinazionali quali Volvo, Evobus e Optare Mercedes aderiranno al programma presentato al Clean Bus Summit, che ha l’obiettivo di far circolare entro il 2020, 40mila autobus elettrici in almeno 24 città del mondo.